Risk Management

Il sistema dei Margini rappresenta un fondamentale sistema di gestione del rischio adottato da CC&G.

Ogni Partecipante è chiamato a versare Margini per coprire i costi teorici di liquidazione cui CC&G andrebbe incontro per chiudere le posizioni del Partecipante in caso di Default di quest’ultimo.

Calcolo dei Margini

I margini sono calcolati utilizzando metodologie efficienti, affidabili ed accurate: MVP (Metodologia Valutazione Portafoglio) per i titoli di stato italiani, MARS (Margining System) per le azioni e i derivati azionari, MMEL (Margini Mercato Elettrico) per i derivati dell’energia e MMeG (Margini Mercato Grano) per i derivati del Grano Duro.

Calcolo dei Margini per il Comparto Obbligazionario

La metodologia MVP è in grado di ricomprendere in un’unica Classe gli strumenti finanziari significativamente correlati tra loro sulla base della loro specifica sensitività a variazioni di tasso d’interesse, misurata attraverso la “Duration”.

Una singola posizione netta è calcolata indipendentemente dal mercato di origine dei contratti - MTS, EuroMTS, BrokerTec, DomesticMOT, EuroMOT, ExtraMOT, EuroTLX ed Hi-MTF - e il risk management è effettuato sulla posizione netta.

Calcolo dei Margini per i Comparti Derivati Azionari ed Azionario

MARS è una metodologia in grado di determinare il rischio complessivo di un portafoglio la compensazione del rischio tra prodotti strettamente correlati ed il cross margining tra prodotti derivati ed azionari nel portafoglio.

MARS permette di determinare l’esposizione complessiva al rischio per Portafogli integrati di prodotti con significativa correlazione di prezzo raggruppati per:

Gruppo di Prodotti: Portafoglio Integrato di attività sottostanti con andamento di prezzo con correlazione statistica significativa;
Gruppo di Classi: Portafoglio Integrato cash-derivati relativo al medesimo titolo azionario sottostante.
Perché un Partecipante possa beneficiare del cross-margining su portafogli integrati cash-derivati è necessario che questi sia Partecipante Generale o Individuale in entrambi i comparti, oppure, se Indiretto, che utilizzi lo stesso Partecipante Generale in entrambi i comparti.

Calcolo dei margini per il Comparto Derivati dell'Energia

I contratti derivati negoziati sull’IDEX sono ricompresi in un unico Portafoglio Integrato valutato unitariamente e quindi assoggettato a Margini Iniziali calcolati anch’essi unitariamente. La metodologia di marginazione MMeL prevede una struttura di Classi, ciascuna della quali ricomprende tutti i contratti della medesima specie (futures od opzione) aventi la medesima attività sottostante (PUN) e medesime caratteristiche (Periodo di Consegna e tipo di fornitura: Baseload o Peakload).

Calcolo dei Margini per il Comparto Commodities Agricole

I contratti derivati del Grano Duro negoziati su AGREX sono ricompresi in un unico Portafoglio Integrato valutato unitariamente e quindi assoggettato a Margini Iniziali calcolati anch’essi unitariamente.
La metodologia di marginazione MMeG prevede una struttura di Classi che ricomprende: le posizioni in Consegna, le posizioni in Consegna scoperte e le posizioni in Consegna abbinate del Soggetto in Ritiro e quello in Consegna.

Scopo dei Margini Iniziali

I Margini Iniziali sono calcolati su base giornaliera per poter coprire i costi teorici di liquidazione a cui CC&G andrebbe incontro nel caso avvenga il default di un Partecipante, per liquidare le posizioni alle più sfavorevoli condizioni di mercato ragionevolmente ipotizzabili, nell’ambito di un range di variazione dei prezzi massimo definito “Intervallo del Margine”.

L’Intervallo del Margine applicato a ciascuno strumento finanziario è rivisto periodicamente sulla base di analisi statistiche.

Margini Infragiornalieri

I Margini Infragiornalieri possono essere richiesti da CC&G nel caso in cui si verifichi una improvvisa variazione significativa dei prezzi o qualora ritenuto necessario sulla base dell’esposizione di rischio complessiva del Partecipante. I Margini Infragiornalieri sono calcolati utilizzando la stessa metodologia dei Margini Iniziali.

Collateral

I Margini Iniziali possono essere versati sia in contante (Euro) che in Titoli di Stato denominati in Euro, negoziabili su MTS ed emessi da Paesi dell’Eurozona caratterizzati da un basso livello di rischio di credito e di mercato. Sono altresì depositabili i titoli di Stato indicizzati all'inflazione italiana (BTP Italia) negoziati su mercati diversi da MTS. I Titoli di Stato sono rivalutati giornalmente al “valore di mercato”, utilizzando prezzi o quotazioni rilevati su info providers. I titoli depositati sono suddivisi in classi di haircut a seconda della duration. I Margini Infragiornalieri devono essere depositati in contante (Euro). Il valore delle garanzie versate in titoli utilizzato a copertura dei Margini Iniziali è determinato sulla base dei limiti di concentrazione.

Default Fund

Quattro “Default Funds”, uno per il Comparto Azionario e dei Derivati Azionari, un secondo per il Comparto dei Derivati dell’Energia, un terzo per il Comparto delle Commodities Agricole e un quarto per il Comparto Obbligazionario sono gestiti da CC&G e creati allo scopo di coprire i rischi connessi a variazioni significative dei prezzi o dei tassi di interesse.

Gli ammontari dei Default Funds sono calcolati come risultati di periodici stress tests. Il contributo al default fund per ogni partecipante diretto viene effettuato almeno mensilmente in proporzione ai Margini Iniziali versati nel mese precedente.

Il versamento della quota di contribuzione al Default Fund deve essere costituito in contante (Euro).

Gli ammontari dei Default Funds sono indicati nella pagina Parametri.

Sono altresì depositabili i titoli di Stato indicizzati all'inflazione italiana (BTP Italia) negoziati su Mercati diversi
dal Mercato MTS

Convalida dei Modelli

La revisione di tutti i modelli di rischio è effettuata, almeno su base annuale, dall'ufficio indipendente di convalida dei modelli di CC&G, che utilizza un tool web-based sviluppato internamente (MoVE).

L'analisi di performance viene eseguita tramite l'utilizzo di una vasta gamma di modelli benchmark.

Rischi Operativi

I rischi operativi vengono identificati, assegnati, misurati, monitorati, gestiti e riportati per assicurare una efficace prevenzione e mitigazione dei possibili impatti su CC&G.