Chi siamo

CC&G è il provider domestico del gruppo LSE leader nella gestione del rischio e nell’erogazione dei servizi di clearing e di Controparte Centrale a 12 mercati, compresi i mercati di Borsa Italiana, BrokerTec gruppo NEXe Hi-MTF.

CC&G, costituita nel 1992 per offrire il servizio di Garanzia a Controparte Centrale a strumenti finanziari italiani, ha sviluppato la sua storia ampliandone nel tempo l’offerta di prodotti e servizi:

CC&G elimina il rischio di controparte interponendosi nella fase di negoziazione tra acquirente e venditore e garantendo il regolamento finale del contratto.

CC&G fornisce servizi coprendo una vasta gamma di asset class quali: azioni, EFT, derivati, fondi chiusi, fixed income e derivati su commodity. CC&G ha un accordo di interoperabilità con LCH S.A. per il mercato degli European Bond e Repo.

La lista completa dei mercati e strumenti finanziari coperti è disponibile di seguito:   

CC&G conta alla fine del 2017 83 Istituzioni finanziarie da 10 Paesi Europei. Il dettaglio per Cliente è riportato di seguito:

 

CC&G,  parte del gruppo London Stock Exchange, è controllata da Borsa Italiana ed è sotto la direzione e coordino del gruppo London Stock Exchange Group Holdings Italia S.p.A..

CC&G opera in Italia sotto la supervisione di Banca di Italia ed è autorizzata all’erogazione di servizi e  prestazione di attività in conformità con l’European Market Infrastructure Regulation (EMIR).

Robusto schema di gestione del rischio

In un contesto regolamentare e competitivo molto dinamico, CC&G è leader nell’offrire un sistema di gestione dei rischi solido ed efficiente, in grado di tutelare i propri Clienti grazie ad un buon livello di segregazione degli asset e metodologie di marginazione all’avanguardia.

In particolare il sistema di tutela finanziaria di CC&G si basa sui seguenti tre livelli:

1. Requisiti di membership

I Partecipanti sono tenuti a soddisfare i requisiti minimi di capitale di vigilanza in relazione al ruolo e segmento di mercato ricoperto (ICM o GCM).

Ogni Partecipante deve inoltre essere dotato di una struttura organizzativa e sistemi informatici che garantiscano la gestione ordinata, continua ed efficiente delle attività in relazione a quanto previsto dal regolamento di CC&G.

2. Sistemi di margini

I Partecipanti devono depositare garanzie sufficienti a coprire i costi teorici di liquidazione che CC&G sosterrebbe in caso di inadempienza di un proprio Partecipante, garantendo in tal modo la chiusura delle posizioni aperte anche in casi di peggiore scenario di mercato ragionevolmente possibile. Pertanto tutti i Partecipanti sono tenuti a pagare i margini su tutte le posizioni aperte.

I margini sono calcolati secondo metodologie efficienti, affidabili ed accurate utilizzando la metodologia TIMS (Theoretical Intermarket Margins System) per i mercati IDEM e Share BIt e MVP (Method for Portfolio Valuation) per i mercati MTS e BrokerTec.

TIMS è in grado di riconoscere il rischio complessivo in un portafoglio e consente di compensare il rischio tra prodotti strettamente correlati, oltre a consentire il cross-margining tra derivati ​​e prodotti di cash equity in portafoglio.

CC&G ha inoltre un livello di garanzia aggiuntivo al sistema di marginazione rappresentato dal Default Fund al fine di coprire quella parte del rischio generata da variazioni estreme delle condizioni di mercato non garantita dal sistema dei margini.

3. Procedure di default

La procedura di default prevede l'allocazione delle perdite e dei costi sostenuti da CC&G in seguito al default di un Partecipante Diretto secondo la gerarchia sottostante (definita a  "cascata predefinita")  disciplinata nel Regolamento di CC&G all’ articolo B.6.2.3):